Mi arrendo!

e-static, Torino, 14 giugno 2014
performance, durata 3 h.

Il pubblico entra nella stanza; vuota e senza segni d’arte. Prendo posto tra la gente in modo anonimo. Attendo ancora qualche secondo per accelerare il senso di smarrimento e ricerca di un qualcosa da vedere o che sta per accadere.

Conquisto il centro della stanza camminando tra le persone con le mani alzate. Mi sto arrendendo, ecco,… mi arrendo! Cedo alla pressione, alla stanchezza e al ritmo. Dopotutto ho una certa età. Rimango con le mani alzate in segno di resa fintanto che le forze me lo permettono, fino a quando riesco a sostenere il peso delle mie braccia.

Finché tengo le mani alzate, mi arrendo all’arte. Non ce la faccio più e me ne faccio una ragione. Esaurite le forze, abbasso le braccia e torno tra la gente, sono come loro: uno che non si arrende.

Non provo mai l’azione prima di compierla. Voglio essere nelle medesime condizioni del pubblico, vergine alla verifica.

Curatorial text here

Video documentation here

Download press release here